Copertina inclusione blog jpg

Diversità e inclusione sul posto di lavoro: qual è il vantaggio?

La diversità nella nostra società è un aspetto importante su cui riflettere. Negli ultimi anni abbiamo imparato a valorizzare le differenze e ad accettare tutte le persone nella loro unicità. Per quanto riguarda i luoghi di lavoro il concetto di inclusione si sta sempre più facendo strada: aumenta la consapevolezza che diversità e inclusione sono elementi di primaria importanza per un’azienda. I dirigenti, i manager e soprattutto i responsabili Risorse Umane sono sempre più coinvolti nell’affrontare questo processo di cambiamento ancora in divenire.

Fino a non molto tempo fa, infatti, l’attitudine di fronte a questo problema era profondamente diversa. Anziché valorizzare le differenze tra collaboratori e dipendenti in un’ottica inclusiva si tendeva a privilegiare un modello aziendale che annullasse le differenze puntando ad uniformare lo staff. Tutto questo portava all’esclusione automatica di tutte quelle categorie considerate “diverse”.

Il concetto di inclusione ha iniziato a farsi strada nelle aziende anche grazie agli obblighi di legge che prevedono l’assunzione di personale appartenente a categorie protette e che garantiscono le pari opportunità tra tutte le categorie di lavoratori.

È necessario però superare la visione di questo tema solo come un dovere per le aziende per assolvere a un obbligo e considerare il valore aggiunto dell’inclusione. Questo può aumentare la reputazione del nostro brand e portare anche una crescita economica.

Le aziende, imparando a comprendere i punti di forza dei singoli dipendenti e valorizzandoli, possono aumentare la propria produttività. Capitalizzando il valore che c’è in ogni persona si contribuisce a creare un ambiente di lavoro più sereno e produttivo. Inoltre, agevolando le diverse necessità dei collaboratori e avendo cura dei diversi bisogni, si favorisce il benessere in azienda.

Anche dal punto di vista del marketing l’inclusività assume un’importanza cruciale. La comunicazione inclusiva è ormai fondamentale per ogni brand. Rappresentare la diversità è sempre più importante e da valore all’azienda: prendere una posizione è fondamentale per la propria immagine.

Secondo il Diversity Brand Index, infatti, l’88% degli Italiani sceglie con convinzione di acquistare da brand inclusivi. Vediamo quindi come favorire l’inclusività aumenti la crescita dell’azienda migliorandone l’immagine agli occhi dei clienti. I brand che investono sulla diversità e l’inclusione hanno mostrato nel corso del 2020 il 23% di crescita in più rispetto ai brand non percepiti come inclusivi. Il Net Promoter Score mostra che i brand inclusivi hanno registrato una crescita della propensione al passaparola rispetto ai brand non inclusivi pari all’81.2%. Questa crescita ci appare ancora più stupefacente rapportata alla perdita di propensione al passaparola del 90.9% per i brand non inclusivi. Dobbiamo considerare l’importanza che ricopre il passaparola per i consumatori nei confronti dell’opinione che hanno sulla nostra azienda.

È evidente quindi come l’inclusione rappresenti un’opportunità per l’azienda per un miglioramento della brand image e della brand reputation. L’immagine che noi costruiamo della nostra realtà sui social network è importante che sia positiva e che rispecchi mission, valori e obiettivi che ci siamo prefissati. Infatti, l’immagine che diamo di noi influenza la scelta del cliente che si orienterà sulla realtà che più rispecchia i suoi ideali e che abbia una reputazione positiva anche online.

Diventa essenziale però che ci sia coerenza tra iniziative esterne e attività interna. Le iniziative di marketing devono essere coerenti con le iniziative attuate internamente all’azienda ovvero tutto quello che riguarda l’inclusione, l’accettazione e la valorizzazione delle diversità all’interno dell’organico aziendale. Bisogna evitare che il marketing inclusivo resti fine a sé stesso diventando un’operazione di woke washing. Oltre a essere poco coerente ci si potrebbe rivoltare contro a causa di critiche ricevute dall’opinione pubblica e associazioni del nostro brand a immagini negative e legate a comportamenti discriminatori.

Riassumendo diversità e inclusione possono rappresentare un’opportunità da cogliere per l’azienda. Sono un ottimo driver di posizionamento per la nostra realtà. Sposare questi principi ci permette di accrescere la nostra brand awareness e di aumentare le nostre possibilità di guadagno e di crescita. L’attenzione a queste tematiche ci consente inoltre di creare un ambiente di lavoro più stimolante e produttivo all’interno dell’azienda. È di fondamentale importanza però che la proposta di valore che noi facciamo al cliente si traduca a livello operativo nella nostra azienda e che i valori di inclusione siano sentiti e promossi dall’azienda in maniera consapevole in ogni ambito.

Dobbiamo quindi porci delle domande: qual è l’immagine percepita della nostra azienda? Ci riteniamo un’azienda inclusiva? Sappiamo valorizzare le differenze all’interno del nostro team di lavoro?

Vuoi più informazioni? Contattaci!

Cliccando su "Invia" autorizzi il trattamento dei dati personali; i dati inseriti nei campi sottostanti saranno utilizzati solo allo scopo di rispondere alle domande formulate e poi saranno cancellati o pseuedonimizzati.